Come riconoscere il vero Parmigiano Reggiano

Scopri come identificare il Parmigiano Reggiano da contraffazioni ed imitazioni.

Ingredienti

Il Parmigiano Reggiano viene prodotto esclusivamente con latte, sale e caglio. La presenza di eventuali altri ingredienti o conservanti indicati in etichetta significherà che non si tratta effettivamente di Parmigiano Reggiano.

Parmigiano Reggiano con crosta

Il Parmigiano Reggiano che viene solitamente venduto nella tradizionale forma intera o in tranci con crosta, presenta un elemento fondamentale che garantisce la riconoscibilità del formaggio: la marchiatura. Sulla crosta deve essere, infatti, presente la caratteristica scritta puntinata “Parmigiano Reggiano” che solitamente deve ricorrere lungo l’intera superficie laterale della crosta. In tal caso si tratta di un marchio d’origine che garantisce l’autenticità del formaggio, in quanto viene apposto durante la fase di produzione.

Parmigiano Reggiano senza crosta

Il Parmigiano Reggiano porzionato (ad esempio grattugiato, in scaglie, in cubetti…) e confezionato, non facilmente identificabile dalla tipica scritta puntinata, poiché risulta essere privo di crosta, può essere riconosciuto come formaggio originale se, sulla confezione sono presenti almeno uno dei seguenti marchi di selezione, oltre alle diciture previste dalla legge:

  1. Il marchio “Forma e punta”
  2. Il marchio “Mezzano”
  3. Il marchio “Extra”
  4. Il marchio “Export” 

Le diciture obbligatorie

Sulle confezioni di Parmigiano Reggiano, devono obbligatoriamente essere indicate le seguenti diciture imposte dalla legge oppure dal Consorzio di Tutela:

  • Il Bollo CE identificativo dello stabilimento di produzione e/o confezionamento del prodotto. Ciascuna azienda ha un bollo identificativo differente composto da due lettere che individuano il paese di provenienza (es. Italia = IT), ed un numero che identifica la regione e lo stabilimento.
  • La scritta: “Certificato da Organismo di Controllo autorizzato dal Mipaaf”
  • Il numero di autorizzazione rilasciato dal Consorzio del Parmigiano Reggiano a tutti i produttori e confezionatori del prodotto.

Soltanto le confezioni che riportano contemporaneamente almeno un marchio di origine o selezione e tutte le diciture di legge, identificano il vero Parmigiano Reggiano.

I marchi

MARCHIO “PARMIGIANO REGGIANO” FORMA e PUNTA

Identifica quel formaggio che in sede di esame di selezione (espertizzazione) per la conformità alla D.O.P, è stato riconosciuto di prima categoria (scelto-zero-uno). Sulle forme vengono apposti i marchi di origine (scritta puntinata e placca di caseina) e il marchio ovale della marchiatura a fuoco. Questo marchio, può essere utilizzato anche per indicare il prodotto grattugiato e porzionato in piccole grammature (come ad esempio cubetti, pepite e scaglie), ottenuto da formaggio intero in possesso dei requisiti definiti dal Disciplinare. 

MARCHIO PARMIGIANO REGGIANO MEZZANO

Viene identificato Parmigiano Reggiano che presenta alcuni difetti di lieve o media entità nella struttura della pasta e/o sulla crosta, ma senza alterazioni delle caratteristiche organolettiche tipiche del prodotto. Le forme, quindi, presentano il marchio ovale della marchiatura a fuoco di selezione “Parmigiano Reggiano”, distinguendosi però dal formaggio di prima scelta, grazie alla presenza di solchi paralleli che vengono tracciati sullo scalzo della forma. Per tale caratteristica, in gergo viene anche definito come rigato.

MARCHIO EXTRA

Identifica Parmigiano Reggiano che presenta una stagionatura di almeno 18 mesi e per il quale, su richiesta volontaria del detentore di formaggio, il Consorzio può procedere ad una nuovo esame di selezione (espertizzazione). Si tratta, quindi, di un marchio che viene apposto sulle forme “scelte” e garantisce al consumatore e agli operatori commerciali un’ulteriore indicazione di qualità del Parmigiano Reggiano.

 

MARCHIO EXPORT

Come per il marchio EXTRA, si tratta di Parmigiano Reggiano che una volta superata la stagionatura di almeno 18 mesi, ha subito da parte del Consorzio un’ulteriore selezione qualitativa. Si tratta, quindi, di un marchio che viene apposto sulle forme “scelte” e rappresenta un’ulteriore garanzia per le imprese esportatrici di Parmigiano Reggiano.

 

I bollini

Il bollino color aragosta caratterizza il Parmigiano Reggiano con oltre 18 mesi di stagionatura. È un prodotto, che presenta una base lattica piuttosto accentuata, con note vegetali quali erba, fiori e frutta, che lo rendono ideale per spuntini e aperitivi.

Un bollino argento individua il formaggio con una stagionatura di oltre 22 mesi, con aromi che si vanno decisamente accentuando. Tra questi si possono apprezzare note di frutta fresca e agrumi, accanto ai quali fanno la loro comparsa cenni di frutta secca.

Un bollino oro, infine, rende riconoscibile il prodotto con oltre 30 mesi di stagionatura, il più deciso nel sapore e complesso negli aromi, con elementi nutritivi, che sono andati concentrandosi proprio nella lunga maturazione.

    error: Content is protected !!